Archivio dell'autore: Orlando Cerasuolo

Domenica 29 maggio – Trekking Archeologico

Il MAVNA, l’Associazione Amici del MAVNA e il Parco Valle del Treja sono lieti di invitarvi ad una nuova passeggiata archeologica!

 

Da Calcata alla Mola di Magliano
Domenica 29 aprile 2022
Appuntamento ore 9,45 al MAVNA
piazza Giovanni XXIII, 12 – Mazzano Romano (RM)

 

Descrizione del percorso: Dopo l’appuntamento al Museo MAVNA si raggiungerà in automobile l’imbocco dell’ingresso al sentiero 016 del Parco, nei pressi di Calcata. A piedi ci si dirigerá verso sud e poi verso ovest, raggiungendo le pendici della collina di Pizzo Piede, sede dell’abitato falisco di Narce. Si proseguirà di nuovo verso sud fino quasi a S. Lorenzo, per poi scendere verso il fondovalle a ovest, dove si trovano i resti della Mola di Magliano. Dopo aver attraversato il fosso si raggiungerà l’interessante abitato medievale di Pizzo Primara. Da qui si proseguirà verso nord attraversando nuovamente il fosso, ma risalendo lungo un altro percorso che conduce alla Fonte Levinosa, quindi si tornerá sul percorso dell’andata, passando per Picco Piede e il sentiero 016.

 

difficoltá: medio-alta
lunghezza: 13 km
dislivello: salita 335m – discesa 335m
durata: circa 6 ore
costo: 12 euro a persona (gratuito per gli under 12 anni)
da portare: abbigliamento e scarpe da trekking, acqua, pranzo al sacco (inoltre sono consigliati: bastone, cappello, crema solare, frutta, lenitivo per punture di insetti, macchina fotografica)

In allegato trovate la locandina dell’escursione e la carta del percorso.
Ovviamente, per prendere parte all’escursione si dovranno rispettare le eventuali norme vigenti per il contrasto alla diffusione del Covid-19 (distanziamento, mascherine, igienizzanti, …).

Vi aspettiamo numerosi
e vi ricordiamo di prenotare in anticipo per poter partecipare mandando una email a info@mavna.it o un messaggio al 3391932699 indicando nome, numero di telefono e numero di persone!

calcata-mola-di-magliano-locandina calcata-mola-di-magliano-p1

 

Comunitá, Volontariato e Convenzione di Faro

La Convenzione di Faro del Consiglio d’Europa (link) è il nuovo strumento normativo che le comunità hanno a disposizione per ridefinire la propria identità e rilanciare i territori. Dopo la ratifica della Convenzione da parte dell’Italia, nell’ottobre 2020, il comune di Mazzano Romano (RM) è stato tra le prime amministrazioni locali ad aver formalmente adottato i principi della Convenzione, con una delibera del maggio 2021 (mazzano-delibera-15-del-24-05-2021-convenzione-di-faro).

Questa iniziativa ha dato inizio ad una serie di azioni volte a coinvolgere i cittadini nella definizione della propria identità, nella gestione del patrimonio ambientale, storico, culturale e tradizionale, nella sua valorizzazione e conservazione, per il trasferimento intergenerazionale delle conoscenze e una narrazione condivisa dell’identità storica, ma anche per l’attivazione di una nuova economia locale caratterizzante, sostenibile, etica e partecipata.

L’Assessorato alla Cultura e il Museo Archeologico Virtuale di Narce – MAVNA hanno quindi ricevuto l’incarico di coordinare queste azioni, rendendosi disponibili come facilitatori, e di allestire una Consulta del volontariato e delle associazioni, in cui far incontrare apertamente la cittadinanza attiva favorendo un dialogo costruttivo su progetti comuni dedicati al territorio e al suo patrimonio.

Per diffondere tra la popolazione la conoscenza e la comprensione dei principi della Convenzione e per intraprendere una discussione pubblica venerdì 27 maggio, alle ore 17.30, presso la Biblioteca Comunale di Mazzano Romano (piazza Giovanni XXIII, 12) si terrà una tavola rotonda cui tutti sono invitati a partecipare.

Tra gli interventi previsti:

  • Il sindaco Nicoletta Irato e la consigliera Silvana Deffereria, che illustreranno la visione dell’amministrazione comunale e il contenuto della delibera (mazzano-delibera-15-del-24-05-2021-convenzione-di-faro).

  • Il direttore scientifico del Mavna, Orlando Cerasuolo, che introdurrà i principi della Convenzione di Faro, l’organizzazione italiana della rete Faro e lo strumento della Consulta per il volontariato e le associazioni.

  • Valeria Pica, assessore del comune di Fontecchio (AQ), primo comune in Italia a adottare i principi di Faro, che illustrerà le iniziative messe in atto in una piccola comunità italiana (link).

  • Sonia Tucci, Direttrice del Museo Civico Etrusco romano Trevignano Romano, che mostrerà altri casi e progetti ispirati ai principi della Convenzione di Faro.

  • Infine, i cittadini e le associazioni presenti saranno invitati a prendere la parola per commentare, chiedere chiarimenti e proporre idee per progetti da realizzare a Mazzano Romano e nel territorio.

Nella sede dell’incontro saranno disponibili:

  • Materiale informativo sulla convenzione di Faro

  • Traduzione italiana del testo della convenzione

  • Moduli per iscrivere al Registro delle Associazioni le associazioni operanti nel territorio di Mazzano

Per chi è interessato ad approfondire i contenuti della Convenzione di Faro e le opportunità di sviluppo ad essa connessa, consigliamo i seguenti link:

Si allega la locandina dell’evento

tavola-rotonda-faro-locandina-2

Il Medioevo nella Valle del Treja – presentazione della guida

Siamo lieti di comunicarvi la pubblicazione della nuova guida archeologica ed escursionistica intitolata Il Medioevo nella valle del Treja e nelle aree circostanti e di invitarvi alla presentazione pubblica che si terrá: venerdì 13 maggio alle ore 17, presso la Biblioteca comunale di Mazzano Romano (piazza Giovanni XXIII, 12).

La guida propone percorsi di visita e schede informative relative ai numerosi castelli, ruderi e resti medievali che sono presenti nella alta e media valle del Treja e e che non sempre sono noti al grande pubblico. Il volumetto è rivolto ai cittadini, ai visitatori e agli appassionati ed è concepito come uno strumento, agile e tascabile, di divulgazione, conoscenza e promozione del territorio e del patrimonio storico archeologico.

La guida è stata curata dal dott. Orlando Cerasuolo, Direttore Scientifico del Museo Archeologico Virtuale di Narce – MAVNA e si è avvalsa del contributo della Regione Lazio, del Comune di Calcata, dell’Ente Parco Valle del Treja, oltre che del Comune di Mazzano Romano. Il lavoro è stato inoltre possibile grazie alla collaborazione di numerosi amici, studiosi e profondi conoscitori del territorio che hanno fornito informazioni, suggerimenti e supporto per la realizzazione della guida.

Questa pubblicazione è la conclusione ideale di un lavoro di approfondimento condiviso con la cittadinanza attraverso un ciclo di conferenze dedicate al tema, tenutosi nel 2019 e curato dalla direzione del Museo assieme alla professoressa Elisabetta De Minicis e ai suoi collaboratori, e un ricco programma di escursioni che hanno permesso negli ultimi anni di coinvolgere un pubblico sempre piú numeroso e interessato.

Siamo fiduciosi che la pubblicazione di questa nuova guida sia un segnale di rilancio per tutto il territorio gravitante sulla valle del Treja e vorremmo che la sua presentazione ufficiale costituisca una opportunitá per sviluppare nuove idee di collaborazione e sviluppo.

Qualora non poteste venire la presentazione sarà trasmessa in streaming sulla pagina facebook https://www.facebook.com/MuseoArcheologicoVirtualeDiNarce.

 

locandina-presentazione-guida-medioevo-light

Conferenza sui risultati dello scavo a Monte Li Santi

Il Comune di Mazzano Romano e il Museo MAVNA hanno il piacere di invitare la cittadinanza alla Conferenza Pubblica di presentazione dei risultati della Campagna di Ricerca Archeologica condotta sul pianoro di Monte Li Santi la scorsa estate.

La Conferenza si terrá sabato 23 aprile 2022, alle ore 16:00 nella Biblioteca del Polo Culturale di Mazzano Romano (Piazza Giovanni XXIII, 12).

Se non potete venire dal vivo vi invitiamo a seguire la diretta facebook, per poter partecipare alla nostra conferenza anche a distanza! Qui il link all’evento: https://facebook.com/events/s/conferenza-sui-risultati-dello/2874344852698656/

Sarà un piacere avervi nostri ospiti e ricevere le vostre domande.

Le ricerche sono state condotte dall’Università degli Studi di Torino sotto la direzione del Prof. Cristiano Iaia, su concessione del Ministero della Cultura con la Soprintendenza per l’Etruria Meridionale (funzionario archeologo Daniele F. Maras) e grazie alla collaborazione del Museo Archeologico Virtuale di Narce e della Cooperativa Matrix 96. Lo scavo, oltre che del supporto logistico del Comune di Mazzano Romano e del Parco Regionale Valle del Treja, si è potuto avvalere di un’équipe di archeologi professionisti e dell’apporto di studenti di discipline archeologiche dell’Università di Torino.

Nonostante alcune difficoltà logistiche, dovute alla morfologia impervia del colle di Monte li Santi, è stato complessivamente possibile aprire quattro piccoli settori di scavo che coprono un’ampia gamma di situazioni, rappresentative di una complessa stratificazione estesa dalla protostoria al Medioevo. Alla luce di valutazioni preliminari, lo scavo suggerisce le notevoli potenzialità conoscitive offerte dal sito di Monte li Santi, con dati che ampliano e integrano il quadro già noto attraverso la documentazione funeraria di Narce, e aprono interessanti prospettive per la ricerca e la valorizzazione future.

Se volete saperne di piú venite alla conferenza! vi aspettiamo numerosi

(Si allega la locandina dell’evento)

 

mls-2021-conferenza-nuova-light

sabato 16 aprile 2022 – escursione archeologica

La via Narcense: da Calcata a Civita Castellana
Sabato 16 aprile 2022
Appuntamento ore 9,45 al MAVNA
piazza Giovanni XXIII, 12 – Mazzano Romano (RM)

Descrizione del percorso: Dopo l’appuntamento a Mazzano Romano si raggiungerà in automobile privata il paese di Calcata. Da qui si camminerà verso nord lungo la via Narcense (sentiero 13) per tutta la lunghezza fino a raggiungere Civita Castellana. Lungo il percorso si consumerà il pranzo al sacco. Da Civita Castellana gli autisti verranno ricondotti a Calcata, mentre nell’attesa gli altri escursionisti potranno facoltativamente visitare il Museo Archeologico Nazionale dell’Agro Falisco. Il rientro a Mazzano o Calcata è possibile anche tramite l’autobus di linea.

difficoltá: medio-alta
lunghezza:
12 km
dislivello: salita 187m – discesa 201m
durata: circa 5-6 ore
costo: 12 euro a persona (gratuito per gli under 12 anni)
da portare: abbigliamento e scarpe da trekking, acqua, pranzo al sacco (inoltre sono consigliati: bastone, cappello, crema solare, frutta, lenitivo per punture di insetti, macchina fotografica)

 

In allegato trovate la locandina dell’escursione e la carta del percorso con il profilo altimetrico.
Ovviamente, per prendere parte all’escursione si dovranno rispettare le eventuali norme vigenti per il contrasto alla diffusione del Covid-19 (distanziamento, mascherine, igienizzanti, …).

Vi aspettiamo numerosi
e vi ricordiamo di prenotare in anticipo per poter partecipare mandando una email a info@mavna.it o un messaggio al 3391932699 indicando nome, numero di telefono e numero di persone!

 

narcense-locandina-lightescursione-mavna-narcense

domenica 27 marzo 2022 – escursione archeologica

Dal Castello dell’Agnese a Castel d’Ischia
Domenica 27 marzo 2022
Appuntamento ore 9,45 al MAVNA
piazza Giovanni XXIII, 12 – Mazzano Romano (RM)

Il MAVNA, l’associazione Amici del MAVNA e il Parco Valle del Treja sono lieti di invitarvi ad una nuova passeggiata archeologica!

Descrizione del percorso: Dopo l’appuntamento a Mazzano Romano si raggiungerà in automobile privata la località Agnese. Da qui si prenderà il sentiero 23 per scendere nella valle del Treja sino alle pendici dell’altura dove sorge il Castello dell’Agnese. Si visiteranno i ruderi dell’insediamento medievale per poi tornare sul pianoro e scendere a nord nella valle del Cerro. Si percorrerà la valle verso ovest e attraversando il torrente si raggiungerà Castel d’Ischia, dove si consumerà il pranzo al sacco. Dopo la visita si scenderà a valle percorrendo le tagliate meridionali e si ritornerà all’Agnese

difficoltá: medio-alta
lunghezza:
10 km
dislivello: salita 309m – discesa 309m
durata: circa 5-6 ore
costo: 12 euro a persona (gratuito per gli under 12 anni)
da portare: abbigliamento e scarpe da trekking, acqua, pranzo al sacco (inoltre sono consigliati: bastone, cappello, crema solare, frutta, lenitivo per punture di insetti, macchina fotografica)
In allegato trovate la locandina dell’escursione e la carta del percorso con il profilo altimetrico e le piante dei siti.
Ovviamente, per prendere parte all’escursione si dovranno rispettare le eventuali norme vigenti per il contrasto alla diffusione del Covid-19 (distanziamento, mascherine, igienizzanti, …).

Vi aspettiamo numerosi

e vi ricordiamo di prenotare in anticipo per poter partecipare mandando una email a info@mavna.it o un messaggio al 3391932699 indicando nome, numero di telefono e numero di persone!

agnese-ischia-locandina agnese-ischia-percorsoagnese-ischia-piante

Corso d’arte ceramica

Il Comune di Mazzano Roma, il MAVNA e l’Associazione Amici del MAVNA presentano:

In Arte Falisci. Corso d’arte ceramica d’ispirazione archeologica, tenuto dalla maestra d’arte Marta Pisani.

Il corso si terra’ a Mazzano Romano ed è suddiviso in tre appuntamenti ai quali è possibile partecipare anche singolarmente

 

3 Aprile

Laboratorio di lavorazione dell’argilla a stampo

realizziamo, con l’aiuto di stampi in gesso, delle maschere votive simili a quelle custodite nel museo e proviamo a personalizzarle.

 

8 Maggio 

Laboratorio di pittura a smalto su ceramica

dipingiamo i biscotti delle maschere votive che abbiamo realizzato nel precedente incontro

con smalti simili a quelli originali, oppure li personalizziamo a nostro gusto

 

11 Giugno

Laboratorio di performance e arte performativa di gruppo

portiamo i nostri manufatti nel luogo di ritrovamento delle maschere originali e immaginiamo, progettiamo e realizziamo una performance moderna a ricordo dell’antico rituale

I laboratori  sono aperti a persone di tutte le età.

 L’attività è gratuita.

I materiali sono compresi nel corso.

È obbligatoria la prenotazione.

Per prenotare scrivere a amicidelmavna@gmail.com o scrivere al numero 3738691938

in-arte-falisci

Tour Virtuale del Museo

É online la demo del virtual tour del Museo e dell’area archeologica del santuario di Monte Li Santi.

Per accedere al virtual tour clickare su questo link e seguire le istruzioni.

Il virtual tour é anche raggiungibile dal menu in alto clickkando su “il Museo” e quindi “Visita virtuale” dal menu a tendina.

Calendario MAVNA 2022 !

É disponibile il Calendario MAVNA 2022 !

La direzione del MAVNA e i volontari Amici del Museo hanno prodotto questo calendario 2022 chiedendo all’artista Marta Pisani di realizzare alcune illustrazioni ispirate agli oggetti conservati nel Museo.
Speriamo che le maschere falische, le statuette, gli unguentari, i vasi in bucchero e le coppe raffigurate possano non solo allietare il trascorrere dei prossimi dodici mesi, ma che possano invogliare a tornare a visitare il Museo e a partecipare alle tante iniziative che ogni anno offriamo al pubblico.

Il calendario é acquistabile presso il Museo e in occasione di iniziative pubbliche svolte a Mazzano.

Sostieni il museo, compra un calendario o regalalo ai tuoi cari.

 

calendario-mavna-2022-cover

Conclusa la campagna di scavi archeologici a Narce – Monte Li Santi (Mazzano Romano, RM)

Si è da poco conclusa la campagna di scavi sull’altura di Monte Li Santi, parte del più ampio complesso abitativo dell’antica città scomparsa di Narce, durata alcune settimane nel mese di settembre. Le ricerche sono state condotte dall’Università degli Studi di Torino sotto la direzione di Cristiano Iaia, su concessione del Ministero della Cultura con la Soprintendenza per l’Etruria Meridionale (funzionario archeologo Daniele F. Maras) e grazie alla collaborazione del Museo Archeologico Virtuale di Narce (MAVNA) e della Cooperativa Matrix 96. Lo scavo, oltre che del supporto logistico del Comune di Mazzano Romano e del Parco Regionale Valle del Treja, si è potuto avvalere di un’équipe di archeologi professionisti e dell’apporto di studenti di discipline archeologiche dell’Università di Torino.

Nonostante alcune difficoltà logistiche, dovute alla morfologia impervia del colle di Monte li Santi, è stato complessivamente possibile aprire quattro piccoli settori di scavo che coprono un’ampia gamma di situazioni, rappresentative di una complessa stratificazione estesa dalla protostoria al Medioevo. In una porzione settentrionale dell’altura e lungo il suo ciglio ovest è stato parzialmente messo in luce un lungo tratto (circa 10 metri) di un muraglione costituito da blocchi squadrati di tufo di dimensioni considerevoli (fino ad un massimo di 90 cm di lunghezza), di cui si conservano almeno due filari sovrapposti. Il muro non appare isolato, ma in evidente connessione con altri tratti individuati a breve distanza. Tale struttura, di presumibile datazione ad età arcaica e la cui finalità resta ancora da precisare (terrazzamento o fortificazione?), si sovrappone ad un deposito stratigrafico recante testimonianza di varie fasi protostoriche (dal Bronzo finale alla prima età del Ferro avanzata). A breve distanza, presso l’estremità settentrionale del pianoro, sono state evidenziate numerose cavità scavate nel banco roccioso che indiziano una complessa organizzazione infrastrutturale del centro preromano tra la fine del VII e il VI secolo a.C.: vi si riconoscono preliminarmente strutture idriche e un possibile sistema di viabilità interno all’abitato.

I sondaggi condotti in due settori localizzati su due piccoli terrazzi del versante sudest dell’altura hanno rivelato un quadro inedito e ancora differente: resti di strutture rupestri con montanti lignei in parte forse databili ad epoca alto-arcaica, e tracce di una frequentazione ormai fattasi più rada e discontinua databile ad età medio-repubblicana e imperiale.

Alla luce di valutazioni preliminari, lo scavo suggerisce le notevoli potenzialità conoscitive offerte dal sito di Monte li Santi, con dati che ampliano e integrano il quadro già noto attraverso la documentazione funeraria di Narce, e aprono interessanti prospettive per la ricerca e la valorizzazione future.

 

monte_li_santi_chiusurascavi